Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale. Trucchi e Consigli per Ubuntu post Installazione | Ubuntu Software Libero: The World Of Linux rel='external nofollowC; expr:href='data:post.createLinkUrl'
IN QUESTO BLOG PARLEREMO DI TUTTE LE DISTRIBUZIONI LINUX E LE LORO CARATTERISTICHE, GRAZIE E BUONA PERMANENZA!!!

Gruppo Facebook:

Elenco Dei Post

__________________________________________________________________________________________________________

7 ottobre 2015

Trucchi e Consigli per Ubuntu post Installazione


Cose da fare dopo aver installato UbuntuIn questo articolo vediamo le cose da fare su Ubuntu post installazione. Quindi vediamo una raccolta delle principali modifiche che la maggior parte degli utenti adotta per velocizzare e ottimizzare Ubuntu.

Installazione di Ubuntu After Install

Ubuntu After Install è un software che permette di aggiungere programmi e rendere più completa un’installazione di Ubuntu.
(sudo add-apt-repository ppa:thefanclub/ubuntu-after-install
sudo apt-get update
sudo apt-get install ubuntu-after-install)
Nei passi successivi sono elencati alcuni software con i comandi per installarli da terminale, alcuni di essi sono presenti in Ubuntu After Install quindi potete installarli più facilmente.

Installazione dei Tweak Tool

Tra i tweak tool più usati troviamo Gnome Tweak Tool o Unity Tweak Tool: entrambi ci permettono di cambiare font, temi, colori e altre modifiche, tutto con la semplicità di un’interfaccia grafica. Scegliete quello che fa al caso vostro:
(sudo apt-get install gnome-tweak-tool
sudo apt-get install unity-tweak-tool)

Aumentare durata e vita della batteria

Per aumentare la durata della batteria installiamo un tool che si chiama TLP, fa tutto in automatico, dobbiamo solamente installarlo e dimenticarci di averlo.
Da terminale:
(sudo add-apt-repository ppa:linrunner/tlp
sudo apt-get update
sudo apt-get install tlp tlp-rdw
sudo tlp start)

Aumentare velocità del sistema con ZRAM

zRam è un modulo che comprime la memoria in modo da evitare lo swap su disco. Come avrete capito è particolarmente utile per Pc datati e con poca ram quindi per attivarlo basta semplicemente installarlo da terminale:
(sudo apt-get install zram-config)

Installazione XScreenSaver

Nelle ultime versioni lo screensaver di default è un classico schermo nero, quindi sostituitelo con XScreenSaver:
(sudo apt-get install xscreensaver xscreensaver-gl-extra xscreensaver-data-extra 
xscreensaver-screensaver-bsod)
Rimuovete ora gnome-screensaver:
(sudo apt-get remove gnome-screensaver)
Dovete impostare ora l’apertura del servizio all’avvio del pc, quindi cercate “Applicazioni di Avvio” click su Aggiungi e inserite ScreenSaver al nome, al comando:
(xscreensaver -nosplash)

Installazione di Synaptic

Synaptic è un gestore grafico di pacchetti per apt, fornisce le stesse funzioni dei comandi di linea di apt, ma con una GUI basata su GTK+.
(sudo apt-get install synaptic)

Personalizzare le opzioni del Boot facilmente

Per cambiare le opzioni del boot di Grub bisogna essere degli esperti, certamente non è una cosa che può fare un neofita alle prime armi con Ubuntu, quindi per ovviare a questa problematica ci affidiamo a uno strumento grafico che ci aiuta molto e ci fa risparmiare parecchio tempo. Si chiama Grub-Customizer e il nome dice tutto, da terminale quindi:
(sudo add-apt-repository ppa:danielrichter2007/grub-customizer
sudo apt-get update
sudo apt-get install grub-customizer)

Pinta l’alternativa leggera a Paint.net per Ubuntu

Su Windows Paint.net è uno degli strumenti più usati e semplici per piccole modifiche alle immagini senza molte pretese. Un grande vantaggio è anche la leggerezza. Su Ubuntu c’è Pinta, utile per chi non sa districarsi bene su Gimp e per chi ha un pc un pò più vecchiotto che non richiede molte risorse. Da terminale:
(sudo apt-get install pinta)

Installazione di CompizConfig Settings Manager

CCSM è un tool di configurazione per Compiz Fusion. Grazie ad esso possiamo configurare i plugin e gli effetti del nostro desktop.
(sudo apt-get install compizconfig-settings-manager compiz-plugins-extra)

Disabilitare menu applicazioni sulla barra in alto

Le nuove versioni di Ubuntu di default hanno il menu delle applicazioni, per intenderci quello con File – Modifica -Visualizza ecc, che compare nella barra di sistema in alto. Per reimpostare questo menu come era in principio ovvero ogni menu nelle propria finestra dobbiamo dare questo comando:
sudo apt-get autoremove appmenu-gtk appmenu-gtk3 appmenu-qt
Facciamo il logout e il login e la modifica sarà visibile, per ripristinarlo sempre da terminale:
(sudo apt-get install appmenu-gtk3 appmenu-gtk appmenu-qt)

Abilitare l’opzione Iberna

Ubuntu di default ha l’opzione Iberna disabilitata, vediamo come fare per visualizzarla:
Aprite il terminale e digitate questo comando:
(sudo gedit /var/lib/polkit-1/localauthority/50-local.d/hibernate.pkla)
copiate il seguente codice e incollatelo nel file:
[Re-enable Hibernate]
(Identity=unix-user:*
Action=org.freedesktop.upower.hibernate
ResultActive=yes)
Salvate il file uscite e riavviate.

Installare Oracle Java

Alcuni IDE come ad esempio Aptana o PhpStorm non girano molto bene con OpenJdk quindi dobbiamo installare Java di Oracle, la versione 7, 8 o 9. Per cambiare versione basta cambiare numero nei comandi che seguono:
(sudo add-apt-repository ppa:webupd8team/java
sudo apt-get update
sudo apt-get install oracle-java9-installer
sudo apt-get install oracle-java9-set-default)

Installare supporto al menu globale/HUD per applicazioni Java con Ayatana

L’HUD ovvero Heads-Up Display è il menu globale comune a tutte le applicazioni ed è la barra in alto. Per applicazioni come Eclipse, PhpStorm, IntelliJ Idea o anche il più comune jDownloader non c’era l’integrazione del menu sulla barra, ma continuava ad essere agganciato alla finestra. Per uniformare anche le applicazioni Java Swing come quelle citate conviene installare Java Ayatana e riavviare:
(sudo add-apt-repository ppa:danjaredg/jayatana
sudo apt-get update
sudo apt-get install jayatana)

Velocizzare Ubuntu e le performance di Unity rimuovendo la ricerca online

Se non usate la ricerca online in Unity allora potete disabilitarlo semplicemente da Impostazioni>Privacy e mettere ad Off la ricerca online.
In alternativa si possono rimuovere le “lenti” di ricerca online da Unity e renderlo ancora più veloce, date quindi il seguente comando:
(sudo apt-get remove unity-lens-shopping unity-lens-music unity-lens-photos unity-lens-gwibber 
unity-lens-video)

Impostare la vecchia scrollbar al posto della nuova overlay

In un terminale dare questo comando per disabilitare la overlay:
(gsettings set com.canonical.desktop.interface scrollbar-mode normal)
per ripristinare la overlay e quindi disabilitare la vecchia scrollbar dare questo comando:
(gsettings reset com.canonical.desktop.interface scrollbar-mode)

Disabilitare i report di crash del sistema

Se ogni tanto vi spunta questa finestrella per inviare i report di un problema e la cosa vi da noia potete disabilitarli con questo comando:
(sudo gedit /etc/default/apport)
ora all’ultima riga del file troverete enabled=1 cambiatelo con enabled=0, salvate e chiudete il file. Infine va stoppato il servizio di notifica con:
(sudo service apport stop)

Abilitare il firewall su Ubuntu

Ubuntu non necessita di un antivirus, ma per ogni sistema operativo avere un firewall abilitato è una buona cosa. Di default Ubuntu ha un firewall disabilitato (UFW) ed è a linea di comando, per questo installiamo GUFW la sua interfaccia grafica:
(sudo apt-get install gufw)
Avviatelo e abilitate il firewall.

Disabilitare la finestra “Salvataggio Schermata” dopo la pressione sul tasto Stamp

Su alcune tastiere il tasto Stamp è molto vicino a Invio e quindi scrivendo molto può capitare di premerlo e quindi spunta la finestra di salvataggio obbligandoci a rallentare il lavoro per chiuderla, una vera seccatura. Per disabilitare la finestra ma mantenere comunque la cattura della schermata negli appunti ci basta cambiare gli shortcuts. Per farlo cercate “Tastiera” da Unity o comunque andate alle impostazioni della Tastiera sulla scheda Scorciatoie>Schermate, e invertite la combinazione tasti di Cattura una schermata (Stamp) con quella di Copia una schermata negli appunti (Ctrl+ Stamp).

Visualizzare la temperature di Cpu, Hard Disk e altro hardware

Per vedere la temperatura del vostro hardware ovviamente in primis esso deve avere i sensori di temperatura. Poi non vi resta che installare il software per i sensori con:
(sudo apt-get install lm-sensors psensor hddtemp)

Spostare i pulsanti delle finestra a destra

Se siete abituati a chiudere, ingrandire e ridurre a icona le finestre dalle icone a destra e ogni volta che cercate di farlo e non trovate i bottoncini perchè sono a sinistra allora riportateli a destra con questo comando:
(gsettings set org.gnome.desktop.wm.preferences button-layout ':minimize,maximize,close')

Abilitare i driver proprietari dell’Hardware

Se cercate e aprite “Software e aggiornamenti” dalla dash di Ubuntu potrete notare la scheda “Driver Aggiuntivi” da dove potete facilmente abilitare o disabilitare i driver che più fanno al caso vostro.

Installare Google Chrome

Per installare il famosissimo e velocissimo browser di casa Google potete semplicemente scaricare il pacchetto e installarlo dalla pagina di download di Google Chrome facendo attenzione a scegliere il pacchetto giusto per la vostra versione a 32 o 64bit.

Installare Adobe Flash Player Plugin

Se usate Firefox allora avrete bisogno di Adobe Flash Player, terminale digitate semplicemente:
(sudo apt-get install flashplugin-installer)

Installare i restricted-extras

I restricted extras aggiungono molte cose come font, supporto ad mp3 e a molti altri formati.
(sudo apt-get install ubuntu-restricted-extras)

Installare tools di compressione e decompressione

Di default Ubuntu non comprime ne decomprime i file rar, così come molti altri formati, quindi sempre da terminale:
(sudo apt-get install p7zip-rar p7zip-full unace unrar zip unzip sharutils rar 
uudeview mpack arj cabextract file-roller)

Resettare Unity

Per resettare le impostazioni di Unity da terminale date:
(sudo apt-get install dconf-tools
dconf reset -f /org/compiz/
setsid unity
unity --reset-icons)

Installare e tenere aggiornato Skype

Per installare Skype dobbiamo abilitare i repository partner. Da terminale:
(sudo add-apt-repository "deb http://archive.canonical.com/ $(lsb_release -sc) partner"
sudo apt-get update
sudo apt-get install skype && sudo apt-get -f install)

Imponiamo un controllo del disco all’avvio successivo

Ubuntu prevede già dei controlli del disco automatici ogni tot riavvii. Ma se per qualche motivo ve ne serve uno immediatamente all’avvio successivo digitate:
(sudo touch /forcefsck)
terminato il controllo dovete rimuovere il file creato per evitare che venga fatto il controllo a ogni avvio quindi:
(sudo rm /forcefsck)

Installare Telegram Desktop

Telegram è la nota app per smartphone alternativa a Whatsapp, che si differenzia soprattutto dal prezzo (gratuita) e dalla possibilità di usarla non solo sul telefono, ma praticamente con qualsiasi cosa. Su questo blog trovate un articolo dedicato a Telegram per PC, per installarlo su Ubuntu digitate:
(sudo add-apt-repository ppa:atareao/telegram
sudo apt-get update
sudo apt-get install telegram)

Installare Vlc

Specie per chi viene da Windows, Vlc sarà molto familiare, ma anche su Ubuntu resta uno dei migliori player multimediali quindi per installarlo aprite il terminale e digitate:
(sudo apt-get install vlc)

Installare Nuvola Player

Nuvola player è un player per la musica in cloud che integra numerosi servizi come Google Play Music, Grooveshark, Amazon Cloud Player, Bandcamp, Deezer, Hype Machine, 8tracks, Pandora, Rdio, This is My Jam e Pandora.
(sudo add-apt-repository ppa:nuvola-player-builders/stable
sudo apt-get update
sudo apt-get upgrade
sudo apt-get install nuvolaplayer)

Installare Secpanel, alternativa a putty per Ubuntu

Secpanel è l’alternativa a putty per Ubuntu, infatti è una semplice interfaccia grafica che vi permette di fare connessioni ssh e scp
(sudo apt-get install secpanel)

Installare e impostare il font Roboto

Il font Roboto è stato studiato per Android e gli schermi ad alta concentrazione di pixel, quindi ora che gli schermi Hd per Pc sono sempre più comuni anche nelle piccole dimensioni come 13 e 15 pollici, questo font fa la sua sporca figura.

Metodo 1 Installare Roboto da terminale

Assicuratevi di avere i repo Universe abilitati e quindi:
(sudo apt-get install fonts-roboto)

Metodo 2 Installare Roboto o altri font manualmente

Con questo metodo si può installare qualsiasi font, per prima cosa dobbiamo creare se non esiste già la cartella “.fonts” all’interno della nostra cartella utente, siccome si tratta di una cartella nascosta per vedere se esiste premete contemporaneamente CTRL+H. All’interno di questa cartella ci vanno tutti i font che volete quindi anche Roboto.
Download Roboto
Una volta scaricato il pacchetto spostate tutti i file ttf all’interno della cartella creata.

Impostare Roboto

Aprite uno dei Tweak installati all’inizio e dalle impostazioni Font impostate Roboto dove volete.

I vari siti di Linux: