Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione 4.0 Internazionale. Ubuntu Software Libero: The World Of Linux: giugno 2017/« Ubuntu Software Libero: The World Of Linux: giugno 2017 rel='external nofollowC; expr:href='data:post.createLinkUrl'
IN QUESTO BLOG PARLEREMO DI TUTTE LE DISTRIBUZIONI LINUX E LE LORO CARATTERISTICHE, GRAZIE E BUONA PERMANENZA!!!

Gruppo Facebook:

Elenco Dei Post

__________________________________________________________________________________________________________

22 giugno 2017

Also Linux has arrived the Debian 9.


Also Linux has arrived the Debian 9.


Since its start in 1993, Debian has been one of the most important Linux distributions. Twenty-four years later, its developers released its latest version, Debian 9 Stretch, to solidify its reputation as a top Linux.

People have used Debian for so long for numerous reasons. The one that's most important to free software fans is that the operating system, thanks to the Debian social contract, must be free software. More pragmatic users love it because of its stability. As a result, Debian is popular both for desktop users and server administrators. This stability has also led it to being the foundation of Ubuntu and other Debian-based Linux distributions.

In this newest edition, after just over two years of work, Debian uses the Linux 4.9 kernel. By default, Stretch uses the EXT4 file-system.

For desktop users, Stretch relies on the GNOME Shell 3.22 desktop by default, which, in turn, is built on X.Org Server 1.19.2 and the Mesa 3D graphics library 13.0.6. The X Window display's security has been improved because it no longer requires root privileges. Die-hard Linux graphics developers should take note that Debian has not moved on to the Mesa 17.x release. Remember, Debian is about stability first and innovation second.

Desktop users will also see that after a decade of a rather silly trademark fight over Mozilla's Firefox and Thunderbird, Debian has finally decided to retire Iceweasel and Icedove in favor of their original Debian programs.

The new Debian uses GCC 6.3.0 for its base development tools. For ordinary users, Debian's Reproducible Builds project, over 90 percent of its source packages, will build bit-for-bit identical binary packages. This is an important verification feature that protects users from malicious attempts to tamper with compilers and build networks. Future Debian releases will include tools and metadata so that end-users can validate the provenance of packages within the archive.

In addition, Debian has made it easier to get debug packages. You can use the new dbg-sym APT repository to obtain debug symbols automatically for many packages.

The biggest change for programmers and sysadmins is Debian has replaced MySQL with the MariaDB MySQL fork for its database management system (DBMS). If you're upgrading from an older version of Debian, MySQL 5.5 or 5.6 will automatically be replaced by MariaDB 10.1. If you have trouble moving your apps to MariaDB, the company has provided a guide on moving from MySQL to MariaDB on Debian.

Roger Bodamer, MariaDB's chief product officer, said "The MariaDB development team worked closely with the Debian community to make the transition from MySQL to MariaDB seamless, delivering the most stable and secure open-source database possible. With Debian's adoption of MariaDB as its default MySQL variant, we expect further growth and engagement from our global community, which now has a reach of more than 60 million developers." With over 3.1 million websites running on Debian, and many of those running a Linux, Apache, MySQL, and Perl/PHP/Python (LAMP) stack, this is another step forward in MariaDB acceptance.

Debian's Unified Extensible Firmware Interface (UEFI) support has also been greatly improved. It now supports installing on 32-bit UEFI firmware with a 64-bit kernel. And, at long last, the Debian live images now include support for UEFI booting.

As always, Debian supports a wide-variety of free software programs by default. New software versions of over 51,000 programs are now supported.

The new Debian also runs on numerous hardware architectures. These include 64-bit PC/Intel EM64T/x86-64 (amd64), 32-bit PC/Intel IA-32 (i386), 64-bit little-endian Motorola/IBM PowerPC (ppc64el), 64-bit IBM S/390 (s390x) for ARM, armel and armhf for older and more recent 32-bit hardware, plus arm64 for the 64-bit AArch64 architecture and for MIPS. In addition to the two 32-bit mips (big-endian) and mipsel (little-endian), there is a new mips64el architecture for 64-bit little-endian hardware. However, support for 32-bit Motorola/IBM PowerPC (powerpc) has been removed.

Want to try it? Installation images may be downloaded via bittorrent (the recommended method), jigdo, or HTTP. Ftp downloads are no longer supported. You can also give Debian a try without installing it using a live image.

If you're already running Debian, you can upgrade as usual from Debian 8, aka Jessie, using the the apt-get package management tool. Before jumping in, be sure to check out the release notes as well as the installation guide for possible issues and for detailed instructions on installing and upgrading.

Debian 9

Per tradurre è disponibile il Translator in alto

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/








Ubuntu Software Libero, ubuntu server, ubuntu software center, ubuntu software center install, ubuntu download, libreoffice ubuntu, linux ubuntu, linux


                                                                                      
                                   
                                                                                                     
                                                                                                       Nicola Barboni                                                                        


CONTINUA A LEGGERE...

19 giugno 2017

Alcuni notebook con Ubuntu.

Alcuni notebook con Ubuntu.

A cinque anni dall'esordio del Project Sputnik Dell continua ad essere uno dei produttori maggiormente impegnati nell'offrire agli utenti dispositivi con preinstallato il sistema operativo Ubuntu Linux. In questi giorni ha rinnovato l'offerta, che adesso comprende 7 soluzioni, fra cui gli ultrabook XPS 13 e le workstation grafiche Precision 5520, Precision 3520, Precision 7520, Precision 7720, Precision 7510 e Precision 7710.

Per quanto riguarda l'XPS 13, sul sito ufficiale trovate la versione con già preinstallato Ubuntu Linux 16.04 SP1 che ha una configurazione con processore Core i7-7500U della famiglia Kaby Lake, 16 GB di memoria RAM, SSD PCIe da 512 GB e schermo touch InfinityEdge QHD+ (3.200 x 1.800 pixel) da 13,3 pollici. Il prezzo è di 1629 euro. Il modello base con lo stesso sistema operativo ha invece una CPU Core i7-7500U, 8 GB di memoria RAM, SSD da 256 GB e schermo Full HD e costa 1259 euro. Tutti i modelli sono a questa pagina.

Per quanto riguarda le workstation invece il modello più interessante è la Precision 5520, equipaggiata con processori Intel Core o Xeon, fino a 32 GB di memoria RAM, grafica Nvidia Quadro e schermi da 15,6 pollici con risoluzioni fino al 4K. Nel momento in cui scriviamo i prezzi con Linux preinstallato partono da 1582 euro e si possono personalizzare CPU, RAM e SSD, oltre ad altri aspetti.

Seguono poi la Precision 3520 con schermo da 15,6 pollici Full HD, fino a 32 GB di RAM e processori fino allo Xeon, la Precision 7520 che invece ha un massimo di 64 GB di memoria RAM, schermi fino al 4K e opzioni grafiche con GPU Nvidia Quadro o Radeon Pro. C'è poi la Precision 7720 che è simile alla 7520 ma ha in dotazione uno schermo da 17,3 pollici e sottosistema di archiviazione fino a 4 TB anziché fino ai 3 TB del modello più piccolo.

Chiudiamo poi con la Precision 7510 che ha uno schermo da 15,6 pollici, processori Core della famiglia Skylake e schermi fino al 3K, e la sua versione da 17,3 pollici, la Precision 7710.

Tutti i modelli con CPU Kaby Lake hanno installato Ubuntu 16.04 LTS, mentre quelli con processori Skylake sono dotati di Ubuntu 14.04 LTS.



Notebook con Ubuntu
Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/








Ubuntu Software Libero, ubuntu server, ubuntu software center, ubuntu software center install, ubuntu download, libreoffice ubuntu, linux ubuntu, linux


                                                                                               
                                   
                                                                                                     
                                                                                                       Nicola Barboni                                                                        
                                              

CONTINUA A LEGGERE...

13 giugno 2017

Il SambaCry usa i server Linux.

Anche il Il SambaCry usa i server Linux. 

Se WannaCry ha fatto strage di computer Windows, SambaCry rischia di mietere migliaia di vittime tra i server Linux che utilizzano la piattaforma Samba per la condivisione di file e stampanti in rete locale. L'allarme era stato già lanciato il mese scorso, ma ora i ricercatori di Kaspersky hanno individuato il primo trojan in grado di violare i sistemi Linux vulnerabili.

Il problema è sempre lo stesso: una vulnerabilità nel protocollo Server Message Block che viene utilizzato sia dai sistemi Windows, sia dalla piattaforma open source Samba. La buona notizia, per lo meno, è che nel caso dei server Linux i pirati informatici non stanno portando un attacco ransomware, che prende in ostaggio i file presenti sul computer e chiede un riscatto per la loro "liberazione". I cyber-criminali che hanno creato SambaCry hanno scelto piuttosto di utilizzare la tecnica d'attacco per installare sulle macchine compromesse un software che gli permette di usare la potenza di calcolo dei server Linux per generare una cripto-valuta simile a Bitcoin anche se meno conosciuta, chiamata Monero.

SambaCry

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/









Ubuntu Software Libero, ubuntu server, ubuntu software center, ubuntu software center install, ubuntu download, libreoffice ubuntu,
linux ubuntu, linux


                    


                                                                                                       Nicola Barboni


CONTINUA A LEGGERE...

11 giugno 2017

CS:GO, nuovo anti-cheat.

Individua migliaia di attacchi provenienti da Linux.

Molti hacker di CS:GO riescono a compromettere la natura competitiva dello sparatutto Valve senza subire conseguenze, anche per anni.

Valve occasionalmente mette in piedi delle campagne che portano a ondate di ban, ma ciò non impedisce ad alcuni di questi cheater di accumulare nel corso degli anni oggetti di gioco anche di valore consistente.

Solitamente i cheater giocano CS:GO su Linux perché il sistema di anti-cheat di Valve non riesce ad accedere al meccanismo di allocazione della memoria del sistema operativo per individuare i cheat. Ma le cose sono destinate a cambiare perché negli ultimi giorni Valve ha introdotto uno dei più consistenti upgrade al suo sistema anti-cheat, volto proprio a combattere il cheating tramite Linux.

Sostanzialmente ha reso il controllo sul cheating lato server, piuttosto che lato client come da approccio precedente.

Un utente di Reddit, con nickname GivePLZ-DoritosChip, ha descritto in maniera dettagliata il funzionamento del nuovo sistema anti-cheat: "Fino a oggi avresti potuto installare un hack gratuito senza mai essere bannato a meno di non essere individuato manualmente tramite il sistema Overwatch, ma adesso il cheat principale (di cui non posso fare il nome ma che tutti conoscono) è stato attaccato per la prima volta in tre anni".

Secondo il giocatore in questione fra coloro che sono stati colpiti dalla nuova ondata di ban anche un utente che aveva ottenuto skin per le armi dal valore di 771 mila dollari, proprio grazie ai cheat, con un raro coltello Karambi fra i suoi possedimenti. Adesso questo utente è stato bannato dal Valve Anti-Cheat in maniera permanente e per questo non può giocare online nessun titolo Valve.


CS:GO, nuovo anti-cheat


Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/










Ubuntu Software Libero, ubuntu server, ubuntu software center, ubuntu software center install, ubuntu download, libreoffice ubuntu,
linux ubuntu, linux




              
                                                                                      Nicola Barboni  

CONTINUA A LEGGERE...

8 giugno 2017

5 giugno 2017

Visual Studio Code su Ubuntu.

Ecco il Visual Studio Code su Ubuntu.

Dopo Atom anche Visual studio Code è disponibile come Snap. VSC è un editor di codice sorgente sviluppato da Microsoft per Windows, Linux e macOS. Si basa su Electron, un framework con cui è possibile sviluppare applicazioni Node.js.

Lanciato nel 2015 da Microsoft Visual Studio Code si è imposto come uno degli editor di codice preferito dalla community degli sviluppatori . Mette a disposizione oltre 3000 estensioni. Offre completamento intelligente del codice, evidenziazione ella sintassi, snippets, refactoring e supporto completo per il debugging.

La Casa di Redmond nel mese di Marzo ha rilasciato un importante aggiornamento dell’editor a dimostrazione del fatto che crede molto nel progetto. L’aggiornamento integra diverse nuove feature finalizzate in particolare alla massimizzazione della produttività. Le novità riguardano vari aspetti dell’applicazione a cominciare da una Welcome Page pensata per fornire documentazione ai nuovi utenti e un accesso rapido ai progetti per chi già conosce questo strumento.

Visual Studio Code era già disponibile per Linux ma ora potete installare la versione Snap.

L’installazione da oggi in poi può avvenire direttamente dallo Snappy Store di Canonical grazie ad un semplice comando da lanciare nel terminale dell’app. Per farlo dovete dare:
  1. sudo snap install --classic vscode
Questo comando può essere usato per installare Visual Studio Code anche su Ubuntu 14.04 LTS (Trusty Tahr), Ubuntu 16.04 LTS (Xenial Xerus), Ubuntu 16.10 (Yakkety Yak), Ubuntu 17.04 (Zesty Zapus) e in futuro anche su Ubuntu 17.10.

Visual Studio Code

Per saperne di più su Linux=https://www.facebook.com/groups/416785168484322/















CONTINUA A LEGGERE...

I VARI SITI DI LINUX: